En poursuivant votre navigation, vous acceptez l'utilisation de cookies qui permettront notamment de vous offrir contenus, services, et publicités liés à vos centres d'intérêt. Fermer
LogoEntete
Entete

Accueil > LITTÉRATURE > Poésie > Léopold Sédar Senghor. Il cantore della Negritudine
Mon Compte
Me Connecter



F.A.Q.

Contact

Léopold Sédar Senghor. Il cantore della Negritudine

Cheikh Tidiane Gaye

Kanaga Edizioni
Format: ePub sans DRM

Lire un extrait     Extrait long

Prix :
5,99

Ajouter au panier

LÉOPOLD SÉDAR SENGHOR
(Joal, 9/10/ 1906 - Verson, 20/12/2001)
“La vera cultura è mettere radici e sradicarsi. Mettere radici nel più profondo della terra natia. Nella sua eredità spirituale. Ma è anche sradicarsi e cioè aprirsi alla pioggia e al sole, ai fecondi apporti delle civiltà straniere…”JOAL
Joal!
Mi ricordo
. Mi ricordo le signare all'ombra verde delle verande
Le signare dagli occhi surreali come un chiaro di luna sul greto del fiume.
Mi ricordo i fasti dell'Occaso
Dove Koumba N'dofène voleva far tagliare il suo manto regale.
Mi ricordo i banchetti funebri fumanti del sangue delle greggi sgozzate
Del chiasso delle querelle, delle rapsodie dei griot....

Ceux qui ont été intéressés par Léopold Sédar Senghor. Il cantore della Negritudine ont aussi consulté :